Per citare “Hackatao” “Tutti lo vedono, solo uno lo possiede”. È questo l’aspetto principale degli NFT, della Crypto Art.

Bisogna vivere completamente isolati dal resto del mondo, per non aver sentito parlare del boom dell’arte Crypto in corso che ha indubbiamente capovolto il mondo dell’arte negli ultimi mesi. La prima grande casa d’aste ad offrire un’opera d’arte completamente digitale in vendita , la mossa di Christie’s nel mercato emergente della crypto art per offrire un NFT (Token non fungibile) si è rivelata un successo inimmaginabile poiché l’opera d’arte è stata venduta per oltre 69 milioni di dollari su 11 marzo 2021. L’artista, Mike Winkelmann, che si fa chiamare Beeple , è ora il terzo artista vivente più prezioso in termini di prezzi d’asta, dopo David Hockney e Jeff Koons , ha condiviso Christie’s in un tweet brevemente dopo l’asta. Ma il mercato digitale e la tecnologia che c’è dietro (blockchain) sono già a disposizione degli artisti da anni, ripercorriamo l’ascesa delle NFT, dagli inizi fino al recente, senza precedenti, successo.

Ma cosa è la Crypto Art e cosa sono gli NFT

Abbiamo scritto un articolo per descrivere questi argomenti, puoi leggerlo cliccando qui

Il mercato dell’arte delle criptovalute si basa sul trasferimento di token NFT unici, uno dei primi approcci per utilizzare la tecnologia blockchain al fine di identificare, rappresentare in modo univoco e scambiare oggetti digitali altrimenti facilmente riproducibili.

Gli NFT esistono così come li conosciamo nel 2017, grazie al successo di oggetti da collezione crittografati come il gioco blockchain CryptoKitties che ha permesso ai giocatori di acquistare, raccogliere, allevare e vendere gatti virtuali. Un singolo pezzo di arte crittografica si distingue allo stesso modo da altri beni crittografici intercambiabili, comprese valute come Bitcoin ed Ethereum, per la sua singolarità. Alla fine è un record sulla blockchain che ne codifica la provenienza, un cosiddetto smart contract che definisce le condizioni del suo trasferimento. Questi elementi, nella maggior parte dei casi, rappresentano risorse digitali come immagini, gif, video, file audio e vari elementi digitali. Le loro autenticazioni in tutti i casi identificano un solo originale. Il vero potere delle NFT si basa sulla loro capacità di trasferire completamente concetti come proprietà e compensazione dal mondo fisico ed economico al regno digitale. Mentre una grande quantità di copie digitali potrebbe essere disponibile online o altrove, solo un individuo può rivendicare la proprietà della risorsa – tecnicamente la NFT – che è dietro di essa.

Quali piattaforma usano gli Artisti per commercializzare la Crypto Arte?

Da allora, abbiamo visto i casi d’uso di NFT evolversi per includere un ecosistema emergente di artisti che utilizzano nuove piattaforme come SuperRare, Nifty Gateway o Rarible per tokenizzare le proprie opere d’arte e venderle a una nuova generazione di collezionisti d’arte. È stato descritto che queste piattaforme stanno abbassando le barriere all’ingresso degli artisti per entrare nel mercato e scambiare token con i collezionisti, che rappresentano opere d’arte digitali. D’altro canto, la concorrenza è così agguerrita che solo artisti e creatori già con una reputazione consolidata riescono a raggiungere i titoli dei giornali e a sfruttare l’opportunità. Ad esempio, all’inizio di questo mese, la musicista canadese Grimes ha perso 5,8 milioni di dollari della sua arte crittografica NFT che è stato venduto in meno di 20 minuti. Nel frattempo, un gruppo di operatori finanziari sotto il soprannome di Injective Protocol ha acquistato e bruciato 95.000 di dollari per Morons (White) (2006) di Banksy per trasformarlo in un’opera d’arte NFT forse più preziosa e per “ispirare gli appassionati di tecnologia e gli artisti”. Pochi giorni dopo, il fondatore di Twitter Jack Dorsey ha deciso di mettere all’asta il primo tweet al mondo come NFT con un’offerta elevata già di 2,5 milioni di dollari. A Pechino, la prima mostra d’arte NFT al mondo sta per aver luogo mentre l’ UCCA Center for Contemporary Art sta organizzando la prima mostra museale dedicata all’arte cripto.

La vendita di Beeple è senza dubbio un punto di svolta per il mercato dell’arte cripto che è passato da poche migliaia di dollari a oltre 300 milioni di crypto art venduta nell’ultimo anno secondo cryptoart.io . L’edizione unica del collage digitale di Beeple’s Everydays: The First 5000 Days (2021) che è arrivata alla storica asta di Christie’s, è composta da disegni che rispondono agli eventi attuali, che incorporano scene surreali di politici come Donald Trump e Mao Zedong e cartoni animati con Pokémon, Topolino e Buzz Lightyear. I quotidianiil progetto risale al 1 maggio 2007, quando Winkelmann si prefisse l’obiettivo di creare e pubblicare una nuova opera d’arte ogni giorno e da allora lo fa ininterrottamente. Il suo recente successo non viene dal nulla poiché 21 opere originali di questa serie hanno già generato 3,5 milioni nel dicembre 2020 in un’asta con la piattaforma di arte crittografica Nifty Gateway.

Ne vedremo ancora delle belle e scriveremo ancora molto su questo mondo, che ha da dire sicuramente tantissimo!

crossmenu